castello rocca san felice

Il fantasma del castello di Rocca San Felice

Il castello di Rocca San Felice: si racconta che fra le mura dell’antico maniero si aggiri un misterioso fantasma

Lo splendido borgo medievale di Rocca San Felice, nel cuore dell’Irpinia, racchiude un maestoso castello, bellissimo a vedersi ma le cui storie in proposito fanno accapponare la pelle.

Il castello di Rocca San Felice, la sua storia

La magione di Rocca San Felice altro non è che una dimora fortificata fatta erigere nell’850 per proteggere i confini del Beneventano, vi si ospitavano inoltre le famiglie dei soldati e quella del capitano anche signore dei feudi circostanti.
Nel corso del tempo il castello è stato tramandato ad eredi ed ha assunto nuovi proprietari e sono state tramandate leggende e credenze.

Il fantasma di Margherita d’Austria nel castello di Rocca San Felice

Fra le storie da brivido che si narrano in questo luogo vi è quella del fantasma di Margherita d’Austria.
Tutto ebbe inizio all’epoca del dominio di Federico II, che aveva accusato di ribellione Enrico di Svevia, ovvero suo figlio. Anzichè però esser condannato a morte fu destinato all’esilio in una roccaforte del sud Italia. Pare che durante il trasferimento Enrico cadde da un dirupo. In contemporanea, la moglie Margherita d’Austria fu incarcerata, non le dissero dove morì il marito ed a sua volta perì di dolore. Si dice che da allora vaghi nel castello di Rocca San Felice in attesa di notizie sul luogo in cui morì Enrico di Svevia e piana e si disperi.
C’è chi afferma di averla davvero vista aggirarsi intorno al castello, nelle notti di plenilunio. Secondo i testimoni il femmineo spettro vagherebbe senza sosta afflitta dalla terribile notizia e dalla triste sorte incombente sulla sua famiglia.
Ma Enrico di Svevia morì davvero o fu ucciso? E perché Margherita d’Austria fu imprigionata?
Interrogativi in sospeso, location affascinante ma attenzione, se vedete una figura spettrale di donna non fermatevi a chiederle indicazioni!

admin / 21 luglio 2016 / Campania

Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *