lucca

Lucca: fantasmi, case stregate e leggende

Storie di fantasmi a Lucca: Villa Mansi, il castello del Rotaio e i misteri della vigna in San Romano in Garfagnano

Lucca e provincia sono ricche di storie di fantasmi e leggende. A partire dal celebre ponte del diavolo, la cittadina toscana ha un background “misterioso” niente male. Chi volesse segnalarci notizie di case stregate in provincia di Lucca può farlo contattandoci tramite apposito modulo delle segnalazioni.

La dama bianca di Villa Mansi

Il fantasma di Lucida Mansi, donna vissuta nel 1600, infesta un’imponente villa che si affaccia sul lago bagno di venere.
Questa signora in vita fu amante passionale e insaziabile. Ancora oggi, il suo spirito nelle notti di luna piena va a caccia di uomini da sedurre e possedere all’interno di una carrozza fantasma.
Si tratta chiaramente di leggende, ma chissà che non ci sia un fondo di verità come in ogni storia di fantasmi che si rispetti.

La madonnina scomparsa di San Romano in Garfagnano

A San Romano in Garfagnano il furto della statua di una Madonna ha dato il via ad una serie di fenomeni paranormali inspiegabili.
La statuetta era sita nei pressi di una vigna in prossimità di una casa: dopo che ignoti hanno trafugato l’oggetto, in questa casa si verificano Poltergeist e inquietanti avvenimenti. Chi si trova a passare dalla zona la notte afferma di udire pianti e lamenti e la fastidiosa sensazione di essere seguito da qualcuno…quando in realtà, alle sue spalle, non c’è proprio nessuno.

Il fantasma di castello del rotaio

Non è dato sapere con certezza chi sia il fantasma del nobiluomo che appare fra i ruderi del castello del rotaio, vicino Pietrasanta.
Lo spirito è stato avvistato nella zona boschiva limitrofa ai ruderi e sui resti del maniero. Vi si aggira con aria incerta ed indifferente.
Secondo alcuni, si tratterebbe del duca di Groningen che nel XIII secolo stava accompagnando al castello Enrico di Fiandra e venne imprigionato e torturato

admin / 12 agosto 2016 / Storie di fantasmi, Toscana

Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *